Pages Menu
RssFacebook
Categories Menu

Posted on Nov 5, 2020 in EVENTI AZIENDALI, POSTI & PERSONE, TURISMO E CULTURA

In Umbria, la web story, Umbri. Ulivi e Uomini Unici (#UUUU), raccontata dall’attore Riccardo Festa fa visitare virtualmente i Frantoi Aperti

FRANTOI APERTI IN UMBRIA è anche on line e PROSEGUE FINO AL 29 NOVEMBRE

Rimangono possibili le visite in frantoio sia per assaggiare sia per acquistare l’Olio evo nuovo

Nonostante le difficoltà legate alla gestione della pandemia, la XXIII edizione di Frantoi Aperti in Umbria, in programma fino al 29 novembre per celebrare l’arrivo del nuovo Olio extravergine d’oliva, entra nel vivo garantendo da un lato l’apertura dei frantoi, cuore della manifestazione, e dall’altro lato, nell’impossibilità di fare eventi in presenza, proponendo ai visitatori virtuali una serie di eventi on line, prima tra tutte la web story dal titolo “Umbri. Ulivi e Uomini Unici (#UUUU)” già on line dal 25 ottobre realizzata per far conoscere la realtà dei frantoi e della produzione olearia, l’Umbria e le antiche tradizioni legate alla vita in campagna.

In conseguenza del divieto di eventi in presenza, l’Ass. Strada dell’Olio Dop Umbria, convertendo la criticità in opportunità, ha ideato un vero e proprio palinsesto digitale, fruibile attraverso i canali social dell’evento (Instagram, Facebook, You Tube), e il sito www.frantoiaperti.net, finalizzato  a mantenere vivo il legame con i visitatori impossibilitati a recarsi sul posto.

L’evento principale del palinsesto on line è la web story dal titolo “#UUUU – Umbri. Ulivi e Uomini Unici di Frantoi Aperti”, che si propone come il racconto digitale compiuto nei colli dell’Olio Dop Umbria passando per i Comuni ad alta vocazione olivicola, e per i Frantoi in lavorazione; un viaggio reale, vissuto e raccontato nel clou del periodo di Frantoi Aperti 2020, da Riccardo Festa, attore e conduttore scelto come “storyteller”. Pur non avendo una specifica conoscenza dell’olio evo e della coltura dell’olivo, Riccardo Festa, in compagnia della sua troupe, ha visitato i 27 frantoi che fanno parte del circuito di Frantoi Aperti in Umbria raccogliendo le testimonianze di vita, i racconti dei frantoiani, delle terre, per poi confezionare le “puntate della web story” che ogni giorno alle ore 12, da domenica 25 ottobre, vengono diffuse attraverso il sito web della manifestazione (https://www.frantoiaperti.net/una-finestra-sui-frantoi/) e nei canali social dell’evento.

“Abbiamo attraversato l’Umbria seguendo una pista: la traccia odorosa dei suoi oli. Ne abbiamo scoperto e apprezzato le differenze, imparando a riconoscere il valore culturale del lavoro di olivicoltori e frantoiani. Abbiamo ascoltato e provato a raccontare le loro storie, cercando di legarle alla fisionomia di un territorio ricco di memoria e tesori artistici. In 27 tappe abbiamo cercato di dipingere un ritratto dell’Umbria (rigorosamente ad olio) che partisse dai visi, dagli occhi sorridenti delle donne e degli uomini che con la loro fatica e dedizione proteggono e mantengono viva una delle eredità più nobili del nostro Paese e nel farlo, ci siamo innamorati ancora di più di questa regione!” dichiara Riccardo Festa lo storyteller della web story #UUUU.

“Grazie al bel racconto di Riccardo Festa si sta ricreando anche in rete l’atmosfera magica di Frantoi Aperti in Umbria. Questo mix unico tra passione dei produttori, bellezza del territorio e gusto dell’olio nuovo che crea empatia e fa vivere una esperienza straordinaria. Le storie sono da sempre il valore aggiunto che c’è dentro una bottiglia d’olio evo comprata in frantoio. E quest’anno che la pandemia ha reso più difficile andare nei luoghi di produzione, i canali social ci stanno aiutando comunicare questo grande messaggio di speranza: la natura non si ferma e neppure chi lavora per donarci il frutto buonissimo di una stagione”, questa invece la dichiarazione di Paolo Morbidoni, presidente dell’Associazione Strada dell’Olio Dop Umbria.

Di seguito la struttura del palinsesto con le date della web story #UUUU:

Frantoio Gaudenzi di Trevi (25 ottobre), Soc. Agricola Trevi Il Frantoio (26 ottobre), Frantoio Marfuga di Campello sul Clitunno (27 ottobre), Frantoio Gradassi di Campello sil Clitunno (28 ottobre), Frantoio Feliziani di Spoleto, (29 Ottobre) Frantoio Clarici di Foligno (30  ottobre ), Antico Frantoio Petesse (31 Ottobre), Frantoio di Spello (1 novembre), Frantoio Le Vecchie Macine di Assisi (2 Novembre),  Frantoio Berti di Perugia (3 novembre), Oleificio Pozzuolese di Castiglione del Lago (4 novembre), Frantoio Palombaro di Magione (5 novembre), Centumbrie di Magione (6 novembre), Frantoio il Tempio dell’Oro di Città della Pieve (7 novembre), Frantoio Ricci di Montecchio (TR) (8 novembre), Frantoio Ercolanetti di Bettone (9 novembre), Frantoio Petasecca Donati di Bevagna (10 novembre), Frantoio Moretti di Giano dell’Umbria (11 novembre), Frantoio Locci i Giano dell’Umbria (12 novembre),  Frantoio Filippi i Giano dell’Umbria (13 novembre), Frantoio Speranza i Giano dell’Umbria (14 novembre), Frantoio Flamini i Giano dell’Umbria (15 novembre), Frantoio Clerici di Gualdo Cattaneo (16 novembre), Frantoio Settimi di Castel Ritaldi (17  novembre), Oleificio Colle del Marchese di Castel Ritaldi (18 novembre), Frantoio i Potti di Clarici di Collezzone (19 novembre)e il Frantoio La Casella di Todi (20 novembre).

Oltre alla web story dei frantoi, che ne costituisce il fulcro, il palinsesto digitale di Frantoi Aperti in Umbria 2020 si compone di altre iniziative che, pur incentrate sull’olio e.v.o., eccellenza umbra acquistabile sia in frantoio, sia attraverso la piattaforma online accessibile dal sito www.frantoiaperti.net, spaziano dall’arte contemporanea, al paesaggio, alla natura e agli stili di vita.

Ormai giunto alla sesta edizione come progetto interno alla manifestazione Frantoi Aperti, “Chiaveumbra2020 – Visioni digitali” è un’iniziativa che coniuga l’immaginario di artisti contemporanei con il fascino del paesaggio umbro e con l’impronta di un territorio che del “distanziamento sociale” ha fatto una questione identitaria consolidata. L’iniziativa coinvolgerà il pubblico in un viaggio virtuale lungo sei weekend alla scoperta del paesaggio olivato di otto comuni umbri, accompagnato dalle visioni di artisti contemporanei che, tramite immagini, note scritte e contributi audio, sapranno fornite una chiave di accesso singolare e inedita di questi territori, invitando a visitarli con occhi nuovi. Partecipano al progetto, che si concretizzerà in narrazioni virtuali diffuse nei canali social dell’evento e tramite il sito di Frantoi Aperti, le artiste Izabela BardhoshiSara Checconi SbaragliniDiana de LucaTatiana Stropkaiová Tina Squillace, invitate ad accompagnare il pubblico nell’interpretazione di alcuni dei luoghi simbolo dell’Umbria e dell’immaginario che ci offrono: ogni fine settimana sarà possibile seguirle in diretta in una performance  dove in un dialogo a più voci coinvolgeranno il pubblico tra itinerari emotivi, del pensiero, antropologici.

La narrazione e il tramandare sono compito del progetto “Di sana pianta”, nuovo spinoff di Frantoi aperti, che prevede la partecipazione di “attori” impegnati a conservare e presentare alcuni gesti primitivi essenziali di relazione con la Natura e con le nostre radici, come riconoscere e saper utilizzare le erbe, tingere tessuti con le foglie, mangiare frutti, curarsi naturalmente, ascoltare la musica di una pianta. Anche il progetto Di Sana Pianta doveva “invadere i borghi” ma si terrà on line, articolandosi in narrazioni virtuali diffuse nei canali social durante tutto il periodo dell’evento contribuendo anch’esso così a creare il palinsesto digitale del “Racconto di Frantoi Aperti”.

Importante è infine l’appuntamento con il webinar sul tema “L’Oleoturismo e l’enoturismo che verranno”, previsto venerdì 13 novembre, organizzato a seguito dell’avvenuta approvazione della nuova legge sull’enoturismo e in attesa della prossima legge sull’oleoturismo. L’incontro vedrà come protagonisti i principali attori istituzionali dei due settori turistici, legati al vino e all’olio, chiamati a confrontarsi in vista di una fattiva collaborazione: la Federazione Italiana delle Strade del Vino dell’Olio e dei sapori, l’Associazione Nazionale Città dell’Olio, l’Associazione Nazionale Città del Vino e il Movimento Turismo del Vino.

Frantoi Aperti ha coinvolto e coinvolgerà anche tutti coloro che avranno piacere di condividere il proprio racconto dall’Umbria e per farlo ha aperto una call per social media supporter del racconto di Frantoi Aperti 2020. Per partecipare basta scrivere una mail a social@stradaoliodopumbria.it.

Per maggiori informazioni su Frantoi Aperti:
info@stradaoliodopumbria.it – www.frantoiaperti.net
Segui l’hashtag #frantoiapertiumbria #frantoiaperti

Facebook: @frantoiaperti / Instagram:@stradaoliodopumbria