Pages Menu
RssFacebook
Categories Menu

Posted on Mar 27, 2019 in EVENTI AZIENDALI, POSTI & PERSONE, TURISMO E CULTURA

Il Parco Tecnologico Agroalimentare dell’Umbria 3A-PTA ad AgriUmbria, sabato 30 marzo 2019, per l’incontro “Il Valore Della Biodiversità Nella Zootecnia Umbra”

IN UMBRIA SI STA LAVORANDO PER REALIZZARE NUOVI PRODOTTI IDENTITARI, VOLANO PER L’ECONOMIA DELLE PICCOLE AZIENDE AGRICOLE CHE DECIDONO DI ALLEVARE VARIETA’ AUTOCTONE AD ALTO RISCHIO DI ESTINZIONE

L’Umbria è una regione ricca di cultura, tradizioni e prodotti identitari certificati come l’Olio extravergine di Oliva Dop Umbria, il Farro Dop di Monteleone di Spoleto, la Lenticchia IGP di Castelluccio di Norcia, la patata rossa di Colfiorito (IGP), il Prosciutto di Norcia (IGP). La certificazione è la fine di un percorso di valorizzazione della biodiversità di interesse agrario, che consente ai territori di creare valore riscoprendo, tutelando ed appunto sviluppando le proprie peculiarità e tradizioni agricole.

È in questa ottica che il Parco Tecnologico Agroalimentare dell’Umbria – 3A-PTA, che da sempre si occupa di ricerca, salvaguardia e conservazione della biodiversità, prosegue nel lavoro di valorizzazione delle varietà autoctone di interesse zootecnico, con l’obiettivo di mettere a disposizione degli operatori del settore zootecnico nuove opportunità di sviluppo sostenibile per i territori e le comunità locali attraverso l’adozione e sviluppo di varietà autoctone e dei relativi prodotti.

Ad esempio il latte di Capra Facciuta ha delle caratteristiche qualitative elevate con un’ottima resa alla caseificazione. La diffusione di tale razza, lo sviluppo e la tipicizzazione dei prodotti, potrebbero essere un’occasione di rafforzamento del territorio, dai produttori ai consumatori.

L’Umbria è stata la terza Regione italiana a dotarsi di una Legge regionale (L.R. 25/2001) sulle risorse genetiche d’interesse agrario, recentemente ricompresa all’interno del “Testo unico in materia di agricoltura” come parte della “Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario”. È stata istituita l’Anagrafe Nazionale della Biodiversità d’interesse agricolo e alimentare ed il Parco Tecnologico Agroalimentare dell’Umbria – 3A-PTA è tenutario del “Registro Regionale delle varietà e razze locali a rischio di erosione genetica”.

In questo contesto normativo regionale e nazionale prende forma l’obiettivo della Regione Umbria e del Parco Tecnologico Agroalimentare dell’Umbria – 3A-PTA di sostenere le aziende agricole che volessero allevare delle eccellenze della Valnerina quali ad esempio la pecora Appenninica, la pecora Sopravissana, la capra Facciuta, puntando alla produzione di formaggi e carni di altissima qualità.

E’ facendo leva su questi presupposti che il Parco Tecnologico Agroalimentare dell’Umbria – 3A-PTA partecipa alla 51esima edizione di “Agriumbria” (29 – 31 marzo 2019 /Bastia Umbria) – la mostra nazionale dell’agricoltura, zootecnia e alimentazione che da oltre mezzo secolo rappresenta l’agricoltura italiana di qualità – e lo fa raccontando la propria esperienza, dando spazio anche alle aziende agricole ed alle loro esperienze, nell’incontro dal titolo “ll valore della biodiversità nella zootecnia umbra” che si terrà sabato 30 marzo alle ore 14.30 presso la sala del Padiglione 8 – Umbriafiere, Bastia Umbra (Pg).

—————————————————————————————————-

IL VALORE DELLA BIODIVERSITÀ NELLA ZOOTECNIA UMBRA

Sabato 30 Marzo 2019 Ore 14.30 Sala Padiglione 8

AgriUmbria 2019 – Umbriafiere, Bastia Umbra (Pg)

PROGRAMMA

Ore 14.30      Registrazione dei Partecipanti

Ore 14:45        Saluti

Ing. Massimiliano Brilli   3A – Parco Tecnologico Agroalimentare dell’Umbria

Franco Garofalo  Regione Umbria

Francesco Tei, DSA3 Università di Perugia

Ore 15.00      Il Registro Regionale e l’Anagrafe Nazionale della  Biodiversità di interesse agricolo e alimentare

Dott. Luciano Concezzi 3A Parco Tecnologico Agroalimentare dell’Umbria

Ore 15.15      Le razze, potenzialmente iscrivibili al Registro regionale

Dott. Stefano Pignani, Associazione Regionale Allevatori

Ore 15.30      La tutela e la conservazione delle razze a rischio di erosione genetica:

 Pecora Sopravissana, Pecora Appenninica, Cavallo TPR,

 Capra Facciuta della Valnerina

 Prof. Francesca Maria Sarti, DSA3 Università di Perugia

Ore 16.00      Diffusione e valorizzazione delle razze avicole iscritte al Registro regionale: Livorno bianca e Ancona  Dott.ssa Alice Cartoni, DSA3 Università di Perugia

Ore 16.15      Il settimo quaderno della biodiversità:

“ Capra Facciuta della Valnerina, racconto su una popolazione caprina dimenticata”

Dott. Marco Caffarelli, 3A- Parco Tecnologico Agroalimentare dell’Umbria

Ore 16.30    “Come salvare capre e alberi” (Il legame profondo tra capre e bosco in un piano di convivenza armonica per la tutela delle aree montane)

Prof. Luciano Giacchè, Università di Perugia

Ore 17.00     “Una vita da Pastore” (Storia di un’allevatrice innamorata del gregge e dei suoi preziosi    prodotti)

                          Ida Reali, Az. Agr. Il Pastore di Rescia  

Ore 17.15      Dibattito

Ore 17.45      Conclusioni

                     Fernanda Cecchini, Assessore all’Agricoltura Regione Umbria

Per informazioni

Tel. 075 8957200

ricerca@parco3a.org

http://www.parco3a.org/